AMF rispetta gli orientamenti dell’ESMA sulla segnalazione alle autorità competenti sui fondi del mercato monetario

, Author


Requisiti per la segnalazione alle autorità competenti

In seguito alla pubblicazione della sua relazione finale nel luglio 2019, l’ESMA ha proceduto nel giugno 2020 a pubblicare le traduzioni dei suoi orientamenti sulla segnalazione alle autorità competenti ai sensi dell’articolo 37 del regolamento (UE) 2017/1131 del Parlamento europeo e del Consiglio del 14 giugno 2017 sui fondi del mercato monetario (“regolamento FMM”). Questa guida ha lo scopo di fornire chiarimenti sul contenuto dei campi del modello di segnalazione nell’allegato al regolamento di esecuzione (UE) 2018/708 relativo a queste relazioni.

L’AMF si conforma alla guida dell’ESMA

L’AMF ha deciso di applicare questa guida e sta aggiornando di conseguenza la posizione DOC-2018-05, che in precedenza trattava la guida sugli scenari di stress test per i fondi del mercato monetario, i cui risultati devono essere inclusi nelle relazioni alle autorità competenti. Questa guida è applicabile alle società di gestione che gestiscono un fondo del mercato monetario autorizzato ai sensi del regolamento.

Dettagli sulle prime rimesse

L’AMF richiama l’attenzione delle società di gestione patrimoniale sul fatto che, date le difficoltà operative legate alla crisi Covid-19 (vedi comunicato ESMA del 4 giugno 2020) e i tempi operativi legati alla creazione delle infrastrutture informatiche, le prime rimesse dovrebbero avvenire, in questa fase, nel dicembre 2020. Una volta che l’infrastruttura è in atto, le società di gestione patrimoniale saranno in grado di presentare i rapporti richiesti dal primo trimestre del 2020. Le scadenze per l’apertura delle piattaforme “test” e “produzione” sono specificate nella guida del filer comunicata dall’AMF.

Al termine di questo periodo di transizione, la presentazione delle relazioni sarà prevista entro 30 giorni dalla fine del periodo di riferimento, conformemente alle disposizioni dell’articolo 37, paragrafo 5, del regolamento dei fondi comuni monetari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *