Articolo originalePseudarthrose congénitale de l’avant-bras. À propos de deux cas et revue de la littératureCongenital pseudarthrosis of the forearm. Relazione di due casi e revisione della letteratura

, Author

La pseudartrosi congenita dell’avambraccio rappresenta un’entità rara che è spesso associata alla neurofibromatosi di tipo I. La pseudartrosi isolata dell’ulna è la deformità più frequente, seguita dalla pseudartrosi del radio e delle due ossa dell’avambraccio. Il trattamento di queste deformità rimane difficile: gli innesti ossei convenzionali raramente portano alla fusione completa. La ricostruzione con un innesto fibulare vascolarizzato rappresenta il trattamento di scelta se la testa radiale non è dislocata. Questa procedura permette di ristabilire un equilibrio tra radio e ulna durante la crescita. La presenza di un innesto vascolarizzato aumenta il potenziale di fusione ossea in un ambiente fibroso. Nei casi di pseudoartrosi isolata dell’ulna, può verificarsi una lussazione dell’epifisi radiale prossimale quando la deformità ulnare aumenta nel tempo. L’avambraccio mono-osso rappresenta una procedura di salvataggio che crea un arto superiore stabile con una funzione soddisfacente del polso e del gomito. Vengono presentati due casi clinici di una pseudartrosi di entrambe le ossa dell’avambraccio e di una pseudartrosi dell’ulna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *