Biografia – CRAWFORD, GEORGE – Volume IX (1861-1870) (Italiano)

, Author

CRAWFORD, GEORGE, uomo d’affari e politico, nato nel 1793 a Manor Hamilton, County Leitrim, Repubblica d’Irlanda, figlio di Patrick Crawford, agricoltore, e Jane Munse ; sposò prima, in Irlanda, Margaret Brown, dalla quale ebbe sei figli, e poi Caroline Sherwood, che gliene diede altri 14; morì il 4 luglio 1870, a Brockville, Ontario.

George Crawford, che ha ricevuto poca istruzione, è diventato un mercante di stoffe. Emigrò nell’Alto Canada all’inizio degli anni 1820 con un po’ di soldi e coltivò in Halton e poi nella contea di York. Dopo “alcune stagioni” abbandonò l’agricoltura e si trasferì a York (Toronto) dove divenne un imprenditore. Un documento successivo afferma che “ha rapidamente accumulato una grande fortuna” eseguendo contratti di costruzione sui canali Rideau, Cornwall e Beauharnois. Fu anche direttore della Provincial Mutual and General Insurance Company, della Grand Trunk Railway e presidente della Brockville and Ottawa Railway Company. Membro della milizia nel 1837, Crawford fu poi promosso a tenente colonnello del 3° battaglione della milizia di Leeds. Era anche assessore della chiesa anglicana di San Pietro a Brockville.

Crawford lasciò Toronto e si stabilì a Brockville a metà degli anni ’40. Anche se in questo periodo ridusse le sue operazioni commerciali, Crawford continuò a giocare un ruolo importante nel mondo degli affari, e a Brockville fu al centro di una rete di relazioni familiari che lo portarono in contatto con importanti uomini d’affari e politici, sia Tory che Reform. La sua seconda moglie era la figlia di Adiel Sherwood*, un importante Tory; suo fratello John, anche lui imprenditore, fu assessore e sindaco di Brockville; suo figlio John Willoughby* sposò una figlia di Levius Peters Sherwood*, sorella del leader Tory Henry Sherwood*; una delle sue figlie sposò John Ross*, un influente riformatore e presidente della Grand Trunk.

Nel 1845 Crawford fu nominato commissario per liquidare le richieste di risarcimento per le perdite subite durante la ribellione nell’Alto Canada; dal 1845 al 1847 fu membro del consiglio di polizia di Brockville. Nel 1849 fu coinvolto per un certo periodo nell’agitazione politica diventando un membro del primo ramo della Lega Britannica Americana che fu organizzata a Brockville. La lega, composta quasi interamente da Tories, aveva lo scopo di studiare gli effetti in Canada del graduale abbandono del sistema mercantile da parte della Gran Bretagna. Quando la lega si espresse a favore dell’unione britannica nordamericana nel luglio 1849, istituì un comitato, tra cui Crawford, John William Gamble,* George Moffatt, e Ogle Robert Gowan,* per conferire sull’argomento con i leader politici delle province marittime. In una “grande dimostrazione Tory” a Brockville nel settembre di quell’anno, Crawford sostenne una tariffa protezionista per il Canada. Tuttavia, in una riunione a Toronto in novembre, dopo la pubblicazione del Manifesto annessionista a Montreal, Crawford cambiò idea e, con Hugh Bowlby Willson,* si dichiarò a favore dell’annessione del Canada agli Stati Uniti. Nel dicembre 1849 scrisse a Edward Goff Penny*: “Sono convinto che il numero di coloro che credono in una rottura pacifica con la madrepatria aumenterà considerevolmente prima che sia passato un altro anno. “

Crawford fu uno dei pochi Tory dell’Alto Canada a sostenere l’annessione; non c’è traccia che abbia mantenuto il suo sostegno per molto tempo. Si liberò rapidamente della sua reputazione di slealtà ed entrò in politica come forte conservatore, infliggendo una sconfitta a George Sherwood a Brockville nelle elezioni dell’Assemblea del 1851. Fu rieletto nel 1854 ma non si candidò alle elezioni del 1857. Nel 1858 ottenne una stretta vittoria su William Henry Brouse*, nella divisione di San Lorenzo, nelle elezioni del Consiglio Legislativo; mantenne la carica, ininterrottamente, fino al 1867 quando fu nominato al Senato.

Un’opera biografica del diciannovesimo secolo sottolinea che come legislatore Crawford “parlava molto poco ed aveva una reputazione di duro lavoro”. Questa è una valutazione giusta. I suoi pochi interventi durante i dibattiti erano concisi e spesso si concentravano su questioni di affari meno importanti. Allo stesso tempo, aveva frequenti scambi con i leader conservatori su questioni di patronato, di elezioni, della sua città e della sua regione. Crawford era solidale con le aspirazioni dei francesi canadesi ed era un ardente sostenitore degli interessi di Montreal; desiderava, nel 1859, che Ottawa diventasse la capitale, poiché questa scelta avrebbe inevitabilmente servito Montreal.

Tre dei figli di Crawford acquisirono grande rilievo personale: John Willoughby, come finanziere, produttore, promotore della ferrovia e membro del partito conservatore; James, come imprenditore e membro conservatore del Parlamento di Brockville dal 1867 al 1872; ed Edward Patrick, come rettore della Trinity Church di Brockville.

Donald Swainson

ANQ-Q, AP-G-203, lettera n. 8.- APC, MG 24, B40; MG 26, A, 337, 507s, 511-513, 516-518.- Coll. Elgin-Grey (Doughty).- Dibattiti parlamentari (Canadian Library Association draft mfms of the debates of the legislature of the province of Canada and the parliament of Canada for the years 1846 to 1874), 1846-1865.- Thompson’s Mirror of Parl. (Quebec), 1860; Brockville Recorder (Brockville, Ont.), 1849, 1870; Globe, 1870; Canadian biographical dictionary, I; Canadian directory of parl. (Johnson).- CPC, 1867.- Nomine politiche, 1841-1865 (J.-O. Côté).- Nomine politiche e banco giudiziario (N.-O. Côté).- Cornell, Allineamento dei gruppi politici.- T. W. H. Leavitt, Storia di Leeds e Grenville, Ontario, dal 1749 al 1879, con illustrazioni e schizzi biografici di alcuni dei suoi uomini importanti e pionieri (Brockville, Ont., 1879).- W. N. T. Wylie, Toronto and the Montreal annexation crisis of 1849-1850; ideologies, loyalties and considerations of personal gain (M.A. thesis, Queen’s University, Kingston, Ont., 1971).- C. D. Allin, The British North American League, 1849, OH, XIII (1915) : 74-115.- The annexation movement, 1849-50, A. G. Penny, édit., CHR, V (1924) : 236-261.- G. A. Hallowell, The reaction of the Upper Canadian Tories to the adversity of 1849: annexation and the British American League, OH, LXII (1970) : 41-56.- D. Swainson, Business and politics : the career of John Willoughby Crawford, OH, LXI (1969) : 225-236.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *