Brain Slang (Italiano)

, Author

I brutti sogni renderebbero più facile affrontare la realtà una volta svegli.

I sogni – creatori di situazioni controllate – potrebbero allenarci ad affrontare certe situazioni emotivamente forti in modo da essere meglio preparati durante gli eventi della vita reale.

Cronaca in onda il 19 marzo 2020. Tutte le colonne sono accessibili su una playlist dedicata.

Per ulteriori informazioni:

” Brutti sogni per affrontare le nostre paure nella realtà” della redazione di Radio Canada. Pubblicato su Ici – Radio Canada, il 25/11/2019. Accesso il 24/03/2020. Link: https://ici.radio-canada.ca/nouvelle/1404782/reves-cauchemars-peurs-preparation-psychologie-realite.

Un altro episodio del podcast collegato:

” La Tête Dans Le Cerveau #111 – Les aphobisants films de super-héros “.

” La Tête Dans Le Cerveau #117 – L’apaisante frayeur “.

Fonti :

Alves F.H.F. et al. (2013). Coinvolgimento della corteccia insulare nel consolidamento e l’espressione del condizionamento paura contestuale. European journal of neuroscience, 38 (2) : 2300-2307.

Blake Y. et al. (2019). Il ruolo dell’amigdala basolaterale nel sogno. Cortex, 113 : 169-183.

Bradley M.M. et al. (2008). La pupilla come misura dell’eccitazione emotiva e dell’attivazione autonomica. Psychophysiology, 45 (4) : 602-607.

Braun A.R. et al. (1997). Flusso sanguigno cerebrale regionale durante il ciclo sonno-veglia. Uno studio H2(15)O PET. Brain, 120 (7) : 1173-1197.

Carr M. et Nielsen T.A. (2015). Sogni ad occhi aperti e sogni da pisolino : confronti di contenuto. Consciousness and cognition, 36 : 196-205.

Cartwright R. et al. (1998). Ruolo del sonno REM e dell’influenza del sogno nella regolazione dell’umore durante la notte: uno studio su volontari normali. Psychiatry research, 81 (1) : 1-8.

Cartwright R. et al. (2006). Relazione dei sogni con le preoccupazioni della veglia. Psychiatry research, 141 (3) : 261-270.

Casanova J.P. et al. (2016). Un ruolo per la corteccia insulare interocettiva nel consolidamento della paura appresa. Behavioural brain research, 296 : 70-77.

Fosse R. et al. (2001). La mente nel sonno REM : rapporti di esperienza emozionale. Sleep, 24 (8) : 1-9.

Goldstein A.N et Walker M.P. (2014). Il ruolo del sonno nella funzione cerebrale emotiva. Annual review of clinical psychology, 10 : 679-708.

Hartmann E. (1996). Schema di una teoria sulla natura e le funzioni del sogno. Dreaming, 6 (2) : 147-170.

Hobson J.A. et Pace-Schott E.F. (2002). La neuroscienza cognitiva del sonno: sistemi neuronali, coscienza e apprendimento. Nature reviews neuroscience, 3 : 679-693.

Kamphuis J. et al. (2012). Dormire male come un potenziale fattore causale nell’aggressione e nella violenza. Sleep medicine, 13 (4) : 327-334.

Kramer M. (1991). L’incubo: un fallimento della funzione del sogno. Dreaming, 1 (4) : 277-285.

Levin R. et Nielsen T.A. (2007). Sogno disturbato, disturbo post traumatico da stress e affetti: una revisione e un modello neurocognitivo. Bollettino psicologico, 133 (3) : 482-528.

Merritt J.M. et al. (1994). Profili di emozioni nei sogni di uomini e donne. Consciousness and cognition, 3 (1) : 46-60.

Nielsen T.A. (2017). L’ipotesi di accelerazione dello stress degli incubi. Frontiers in neurologia, 8 (201) : 1-23.

Nielsen T.A. et Levin R. (2007). Incubi: un nuovo modello neurocognitivo. Sleep medicine reviews, 11 (4) : 295-310.

Pereira M.G. et al. (2010). L’emozione colpisce l’azione: la corteccia midcingolata come nodo centrale dell’interazione tra emozione negativa e segnali motori. Cognitive, affective, and behavioral neuroscience, 10 : 94-106.

Quirk G.J. et al. (2003). La stimolazione della corteccia prefrontale mediale diminuisce la reattività dei neuroni di uscita dell’amigdala centrale. Journal of neuroscience, 23 (25) : 8800-8807.

Revonsuo A. (2000). La reinterpretazione dei sogni: un’ipotesi evolutiva della funzione del sogno. Behavioral and brain sciences, 23 (6) : 877-901.

Roussy F. et al. (2000). Eventi quotidiani e contenuto dei sogni: tentativi di corrispondenza non riusciti. Dreaming, 10 (2) : 77-83.

Scarpelli S. et al. (2019). Il ruolo funzionale del sogno nei processi emotivi. Frontiers in psychology, 10 (459) : 1-16.

Schredl M. (2010). Caratteristiche e contenuti dei sogni. Rivista internazionale di neurobiologia, 92 : 135-154.

Schredl M. et Doll E. (1998). Emozioni nei sogni diari. Coscienza e cognizione, 7 (4) : 634-646.

Schwartz S. (2003). Gli episodi di vita vengono riprodotti durante il sogno? Trends in cognitive sciences, 7 (8) : 325-327.

Schwartz S. (2004). Cosa può rivelare il sogno sulle funzioni cognitive e cerebrali durante il sonno? Un’analisi lessico-statistica dei resoconti dei sogni. Psychologica belgica, 44 (1-2) : 5-42.

Schwartz S. et Maquet P. (2002). L’imaging del sonno e la valutazione neuro-psicologica dei sogni. Trends in cognitive sciences, 6 (1) : 23-30.

Siclari F. et al. (2017). I correlati neurali del sogno. Nature neuroscience, 20 (4) : 872-878.

Sikka P. et al. (2018). La tranquillità e l’ansia nello stato di veglia sono correlate al contenuto affettivo dei sogni. Scientific reports, 8 (12762) : 1-13.

Sterpenich V. et al. (2014). Il sonno affina la codifica degli stimoli sensoriali nella corteccia visiva umana dopo il condizionamento della paura. Neuroimage, 100 : 608-618.

Sterpenich V. et al. (2020). Paura nei sogni e nella veglia: prove di omeostasi affettiva giorno/notte. Human brain mapping, 41 (3) : 840-850.

Valli K. et al. (2005). La teoria della simulazione della minaccia della funzione evolutiva del sogno: prove dai sogni di bambini traumatizzati. Consciousness and cognition, 14 (1) : 188-218.

Walker M.P. et van der Helm E. (2009). Terapia notturna? Il ruolo del sonno nell’elaborazione emotiva del cervello. Psychological bulletin, 135 (5) : 731-748.

Yoo S.-S. et al. (2007). Il cervello umano emotivo senza sonno – una disconnessione dell’amigdala prefrontale. Biologia corrente, 17 (20): 877-878.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *