Capitolo (Italiano)

, Author

56.358 kmq, 4.760.344 abitanti nel 1991, di cui 78% croati, 1 2,2% serbi, 0,9% musulmani, 0,5% ungheresi, 0,4% italiani. Capitale: Zagabria. Presidente della Repubblica (febbraio 2000): Stjepan Mesic*, Primo Ministro: Ivica Račan* (SDP).
Seconda repubblica federata della Jugoslavia, per superficie e popolazione, la Croazia è diventata indipendente nel 1991. Lunga mezzaluna che si estende intorno alla Bosnia-Erzegovina*, la Croazia è caratterizzata da forti contrasti regionali. Le coste mediterranee della Dalmazia* e dell’Istria* e le 1.185 isole e isolotti sotto la sovranità croata, a lungo influenzate da Venezia e dall’Italia, sono in contrasto con le aride montagne della Krajine* e la vasta pianura della Panonia, che sfugge alla regione balcanica e guarda verso l’Europa centrale. Favorita da un clima secco e mite, la costa è molto popolata, con densità che superano i 200 abitanti/km2. I porti di Rijeka e Split hanno dato origine a numerose industrie, anche se il turismo costituisce la grande ricchezza di questa regione. D’altra parte, nella pianura panonica, il clima è continentale, con differenze di temperatura molto forti tra l’inverno e l’estate. Meno densamente popolata, questa pianura contiene tuttavia alcune delle più grandi città croate, tra cui la capitale Zagabria (933.000 abitanti nell’area metropolitana nel 1991), ma anche Varazdin, vicino al confine ungherese, e Osijek, vicino alla Vojvodina*…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *