Capitolo (Italiano)

, Author

Nel 2011, le spese sanitarie in Svizzera rappresentavano l’11% del prodotto interno lordo (PIL) del paese, un valore elevato nel confronto internazionale. Questo ammonta a un totale di circa 65 miliardi di franchi svizzeri o, espresso diversamente, 8.160 franchi pro capite (circa 7.700 euro).
Secondo gli ultimi dati dell’Ufficio federale di statistica (UST), dal 2008, il settore sanitario in Svizzera è stimato per fornire più di 540.000 posti di lavoro, o quasi uno su otto. Molti posti di lavoro sono occupati da stranieri, non solo nel settore infermieristico ma anche in quello strettamente medico, soprattutto negli ospedali, che inevitabilmente riunisce culture (de)formative e professionali molto diverse. Il settore sanitario è quindi uno dei maggiori fornitori di posti di lavoro in Svizzera.
Gli ospedali (163’000 posti di lavoro), le istituzioni medico-sociali (155’000 posti di lavoro) e il settore ambulatoriale (100’000 posti di lavoro) sono i tre pilastri principali del sistema sanitario. Secondo l’UST, tra il 2001 e il 2008 sono stati creati 90.000 posti di lavoro nel settore sanitario, con un aumento del 2,6% all’anno. In confronto, l’occupazione in Svizzera nel suo complesso è cresciuta solo dell’1,2% durante lo stesso periodo. La maggiore richiesta di dipendenti è negli ospedali, seguita dalle istituzioni di assistenza medica e sociale (EMS). Il settore sanitario è quindi uno dei settori più dinamici dell’economia svizzera…

Il settore sanitario è uno dei settori più dinamici dell’economia svizzera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *