Chocoframboises (Italiano)

, Author

Un’altra piccola delizia sul blog! Non credo che ti dispiacerà 😉

Oggi si parla di crinkles; sono piccoli biscotti al cioccolato, crepati in cima e ricoperti di zucchero a velo. L’interno è molto gommoso.

Ho già testato una ricetta qualche mese fa ma onestamente nessuno è stato conquistato a casa perché si ottengono dei biscotti mega dolci. Tuttavia, ho deciso di dare loro una seconda possibilità. Questa volta ho preso la ricetta dal blog “Rose’s little dishes” e non ce ne siamo pentiti.

crema

crema

Preparazione: 10 min
Freddo: 1h
Cottura: 12 min

Ingredienti per circa 20 creme:

  • 200g di cioccolato fondente
  • 50g di burro mezzosale
  • 2 uova
  • 60g di zucchero di canna
  • 1 bustina di zucchero vanigliato
  • ½ cucchiaino di lievito in polvere
  • 190g di farina bianca
  • zucchero a velo

In una casseruola o nel microonde, Sciogliere delicatamente il cioccolato e il burro.
In una ciotola, sbattete le uova, lo zucchero e lo zucchero vanigliato fino a renderle spumose.
Aggiungete il cioccolato fuso alle uova zuccherate, mescolate.
Incorporate la miscela di farina e lievito setacciata, un po’ alla volta, nella miscela di cioccolato. Mescolare fino ad ottenere un impasto liscio e leggermente denso.
Tenere in frigo per 1 ora per indurire.
Dopo 1 ora, prelevare l’equivalente di un cucchiaio di pasta al cioccolato, stenderla tra le mani, poi immergerla nello zucchero a velo (io non ne ho messo troppo per evitare l’eccesso di zucchero)
Porre tutte le palline così formate su una teglia coperta di carta da forno. Assicuratevi di separarli un po’, perché l’impasto si allargherà leggermente.
Infornate a 170°C per circa 12 minuti (più o meno a seconda del vostro forno).
Quando escono, le creste devono essere gonfie e soffici.
Freddate su una griglia a filo.

Il parere del gourmet: questa volta, questi biscotti hanno avuto un grande successo con tutti i buongustai della famiglia. È vero che hanno un buon sapore di cioccolato (senza eccesso di zucchero) e sono abbastanza morbidi all’interno. Quindi questa ricetta è adottata.

Print Friendly, PDF Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *