Cultura aziendale: I suoi pro e contro

, Author

Quentin Villot
Quentin Villot

Follow

4 aprile, 2019 – 8 min read

Questa mattina, nella mia casella di posta, e dopo che avevo già iniziato a scrivere questo articolo, ho ricevuto una mail da Welcome to the Jungle intitolata: “Come preservare la cultura aziendale in una fase di iper-crescita?”

In un contesto di rapida crescita della forza lavoro la questione della trasmissione dei valori e della cultura dell’azienda è un problema per i fondatori. Ciò che è facile fare con i primi dipendenti che arrivano a gocce, lo è molto meno quando si inizia ad accoglierne diversi nuovi ogni settimana.

La capacità di un’azienda di preservare la propria cultura in una fase di iper-crescita dipende da molteplici fattori: dalla scelta dei nuovi assunti all’incarnazione della cultura da parte dei fondatori e dei manager, attraverso una chiara comunicazione di questi valori.

Ma questo è un altro argomento, di cui non intendo parlare oggi. Poiché prima di parlare di preservare la vostra cultura aziendale, dobbiamo parlare di cosa sia la cultura aziendale.

Prima ancora di rispondere a questa domanda, mettiamoci d’accordo su cosa sia la cultura in senso lato.

Una definizione comunemente accettata di cultura è: “La cultura è il corpo di conoscenze, know-how, tradizioni, costumi, specifici di un gruppo umano, di una civiltà.”

La cultura è quindi qualcosa che è condiviso da un gruppo di persone.

Per quanto riguarda la cultura aziendale, la sua definizione è necessariamente vicina a quella di cultura in senso lato. Si potrebbe facilmente dire che è il modo in cui si fanno le cose in un’azienda e che è ciò che la rende diversa dalle altre aziende. Ma perché questo articolo sia interessante, ho bisogno di approfondire questa definizione con voi.

Mi piace molto la definizione data da Frances Frei e Anne Morris nella Harvard Business Review:

“La cultura aziendale guida il comportamento discrezionale (quello che non fa parte della nostra descrizione del lavoro) e fornisce continuità da dove la guida all’inserimento dei dipendenti lascia. La cultura aziendale ci aiuta a rispondere a richieste insolite. Ci dice se dobbiamo condividere le nostre nuove idee con il nostro capo e se è meglio parlare dei problemi o nasconderli. I dipendenti prendono centinaia di decisioni ogni giorno da soli, e la cultura aziendale li aiuta a farlo. La cultura aziendale ci dice come comportarci quando il CEO non è nella stanza, che è la maggior parte del tempo.”

Perché la cultura aziendale è così importante?

Andare sul posto di lavoro non dovrebbe essere qualcosa di spaventoso per i vostri dipendenti su base quotidiana. Al contrario, i vostri dipendenti dovrebbero sentirsi impazienti di andare al loro posto di lavoro e non dovrebbero volersene andare perché gli piacciono le sfide, i loro colleghi e l’atmosfera generale.https://www.google.fr/search?ei=ge2kXM7bEISugwfBpaqIDg&q=deliver+wow+through+service&oq=deliver+wow+through+service&gs_l=psy-ab.3..0i19j0i30i19j0i8i30i19j0i30i19.2016.3048..3303…1.0..0.105.502.6j1……0….1..gws-wiz…….0i71j0i13i30j0i8i13i30j0i7i30j0i8i7i30j0i8i30j0i8i10i30.K9TEMmHR4tM

Il lavoro può essere difficile e stressante, ma la vostra cultura aziendale non dovrebbe assolutamente aggiungere stress ai vostri dipendenti. Al contrario: la vostra cultura aziendale dovrebbe essere pensata per alleggerire i vostri dipendenti dallo stress legato al lavoro.

Questa è una ragione per cui la cultura aziendale è importante: mantiene i vostri dipendenti entusiasti di lavorare per voi. Con te.

Come esempio, l’azienda Shopify ha sviluppato una forte cultura di riconoscimento del lavoro degli altri, arrivando persino a sviluppare uno strumento interno chiamato UNICORN in modo che ognuno possa congratularsi con i propri colleghi quando pensa che il lavoro sia stato fatto bene. Quando hanno raggiunto 20.000 follower su Twitter, qualcuno l’ha notato e ha postato un messaggio di ringraziamento al loro community manager su UNICORN e le congratulazioni hanno iniziato a piovere dai corridoi. Un bel modo per valorizzare il lavoro dei tuoi colleghi.

La cultura aziendale è il collante che tiene insieme la tua azienda, è ciò che motiva i tuoi dipendenti a perseguire gli stessi obiettivi. E una cultura aziendale che facilita lo sviluppo dei vostri dipendenti fa rima con meno turnover e migliore produttività. Una situazione win-win.

2/ Ti permette di circondarti delle persone giuste

La seconda ragione per cui ogni azienda dovrebbe dare importanza alla sua cultura e ai suoi valori è che ha un impatto diretto sui tuoi dipendenti. Definisce i principi a cui tutti dovrebbero fare riferimento quando prendono una decisione, aiuta ad aumentare la consapevolezza di ciò che si può e non si può fare.

E soprattutto, la vostra cultura aziendale vi permette di trattenere i buoni dipendenti, e quando dico buoni intendo sia buoni nel loro lavoro che buoni nel loro atteggiamento. Alcune persone non saranno adatte alla tua azienda, ma se hai una forte cultura e valori aziendali, allora saprai facilmente quali dipendenti vuoi tenere e quali no. Forse anche quelli che non si adattano alla vostra cultura se ne andranno da soli.

E senza le persone giuste al vostro fianco, farete fatica a raggiungere i vostri obiettivi. È anche attraverso una cultura aziendale chiara e forte che sarete in grado di attrarre le persone giuste, quelle che si sentono allineate con i vostri valori, condivideranno la vostra ambizione e vi accompagneranno nel vostro progetto.

“Le vostre convinzioni diventano i vostri pensieri, i vostri pensieri diventano le vostre parole, le vostre parole diventano le vostre azioni, le vostre azioni diventano le vostre abitudini, le vostre abitudini diventano i vostri valori, i vostri valori diventano il vostro destino. ” – Gandhi

3/ È un fattore di performance

Se sei una persona razionale o non sei del tutto convinto dai miei argomenti precedenti, questo dovrebbe parlarti di più. Confrontando la performance borsistica delle aziende elencate nel S&P 500 o nel Russell 3000 (entrambi indici borsistici statunitensi) con quelle considerate Best Companies to Work For, c’è quasi una differenza doppia tra queste due categorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *