Guida all’acquisto Come scegliere la tua nuova lavatrice?

, Author

Per scegliere la tua nuova lavatrice, dovresti farti le seguenti domande: Che tipo di lavatrice dovresti scegliere? Qual è la capacità del tamburo? Cosa significa la velocità di centrifuga e cosa significa la classe energetica associata ad ogni lavatrice? Ti aiutiamo a capire le caratteristiche delle lavatrici, per scegliere il modello più adatto alle tue aspettative.

Quale tipo di carico?

Apertura frontale o superiore? La scelta del metodo di carico della biancheria sarà determinata dallo spazio che avete e dalla quantità di biancheria da lavare. I due tipi di lavatrice non offrono le stesse caratteristiche:

– I modelli frontali (a oblò) sono generalmente più larghi e meno profondi di quelli con l’apertura superiore. Questo li rende facili da inserire in una cucina. La loro struttura permette anche di collocare un’asciugatrice sulla parte superiore, ideale per ottimizzare lo spazio. Una lavatrice a oblò ha anche una maggiore capacità di carico (+ 10 kg).

– La lavatrice ad apertura dall’alto (Top) può essere collocata ovunque grazie alle sue dimensioni più strette, ideale per le case piccole. Il tamburo è anche più accessibile che sul modello a oblò. Il rovescio della medaglia: la sua capacità supera raramente i 5 kg.

– La lavatrice asciugatrice combina le funzioni di una lavatrice e di un’asciugatrice in un solo apparecchio. Questo tipo di apparecchio è di fascia alta, vista la moltitudine di opzioni offerte.candy

Quale capacità di batteria?

Singolo o coppia, con o senza bambino/i? La capacità del tamburo è legata alla vostra struttura familiare, con modelli che vanno da 3 a più di 10 kg. Una persona sola avrà quindi bisogno di una capacità inferiore a 4 kg, mentre quella di una coppia con tre bambini può superare i 6 kg.

Quale velocità di centrifuga?

Più alta è la velocità di centrifuga, meglio si filano i vestiti e più velocemente si asciugano. Se avete un’asciugatrice, una velocità di centrifuga di 800 giri/min è sufficiente. Se non avete un’asciugatrice, dovreste usare una lavatrice con almeno 1.000 giri. Conseguenza di un’alta velocità di centrifuga: meno tempo di centrifuga, che si traduce in un minor consumo di energia.

Le lavatrici offrono due tipi di centrifuga:

– Il sistema fisso non permette di modulare la velocità di centrifuga, che è la stessa, indipendentemente dal programma selezionato. Si trova principalmente nei modelli entry-level. Alcuni, tuttavia, offrono diverse velocità di centrifuga fisse.

– Il sistema di centrifuga variabile ti dà piena libertà di modulare la velocità in base al tipo di vestiti da lavare e al loro materiale.

Quale classe energetica?

Implementato dall’Unione Europea, l’etichetta energetica mira a classificare gli elettrodomestici attraverso 6 pittogrammi che indicano:

– consumo di energia (consumo di acqua e consumo di elettricità);

– capacità del fusto (capacità nominale in kg);

– qualità della centrifuga (velocità di centrifuga in rpm);

– livelli di rumore (lavaggio e centrifuga – in decibel)

Ogni criterio è valutato secondo una scala composta da 7 classi che vanno da A+++ a D. La lettera A+++ che designa un livello “Ottimale” e la D “Molto basso”.

Quali programmi di lavaggio?

Oltre al programma standard per il cotone, le lavatrici fanno una concorrenza spietata sui vari programmi speciali (fino a quindici). A seconda del tipo di bucato (sintetico, lana, piumino, camicie, seta), ma anche intorno a molti altri criteri (rimozione delle rughe, risciacquo, silenzioso, economico, espresso)… I produttori competono in ingegnosità per offrire i programmi più adatti allo stile di vita di ogni persona, sull’esempio del leader Whirlpool o dello sfidante Beko. LG e Samsung si stanno addirittura avventurando in lavatrici connesse, con la possibilità di controllare i loro apparecchi tramite un’applicazione mobile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *