Il portale della funzione pubblica (Italiano)

, Author

Come annunciato dal Presidente della Repubblica, un decreto pubblicato oggi armonizza la remunerazione degli straordinari nel servizio civile fissando un aumento minimo del 25% rispetto all’ora normale.

1. La situazione del pubblico impiego prima del provvedimento

La legge TEPA ha già portato ad un significativo aumento del potere d’acquisto degli straordinari nel settore pubblico (+13,8% attraverso l’eliminazione dei contributi dei dipendenti, più l’esenzione fiscale).

D’altra parte, non ha influito sui loro metodi di calcolo, che sono rimasti molto diversi. Molto concretamente, lo straordinario di un insegnante, di un poliziotto e di una segretaria non era pagato allo stesso modo. A seconda del dipartimento, alcune ore erano pagate meno del 125% dell’ora normale, altre erano pagate di più.

2. La misura

Il presidente della Repubblica ha chiesto che le ore di straordinario siano, come nel settore privato, aumentate di almeno il 25% rispetto alla normale paga oraria.

Questo è lo scopo del decreto, che si caratterizza per due contributi:

  • l’armonizzazione dei metodi di calcolo dei coefficienti di aumento;
  • l’armonizzazione in relazione al settore privato: questo coefficiente sarà del 25%.

Il decreto chiude quindi il divario, quando esiste e qualunque sia la sua entità, tra il livello attuale di retribuzione per gli straordinari e l’aumento del 25%. Elimina così le disparità che sarebbero persistite se solo i tassi attuali fossero stati aumentati del 25%.

La misura entra in vigore il 1° gennaio e si applica ai dipendenti di tutti e tre i servizi pubblici. Tutti gli straordinari effettuati a partire dal 1° gennaio 2008 saranno pagati almeno il 25% in più delle ore normali.

3. Il guadagno per gli agenti interessati

L’aumento riguarda:

  • gli straordinari richiesti puntualmente dal datore di lavoro e accettati dall’agente;
  • il cui compenso è inferiore al 125% dell’ora normale.

Alcuni esempi, che mostrano l’entità del guadagno in potere d’acquisto a seconda del precedente livello di retribuzione degli straordinari:

Godere dalla legge TEPA
(riduzione degli oneri sociali)
Godere dal decreto Godere totale
Infermiere +13,8% +16,8% +32,9%
Poliziotto +13,8% +30,5% +48,5%
Insegnante
(sostituzione unica)
+13,8% +8,7% +23,7%

4. Il guadagno per gli utenti

Migliorando l’attrattiva dello straordinario per i dipendenti pubblici, il decreto mira a farne uno strumento per migliorare il servizio reso agli utenti.

A titolo di esempio, lo straordinario potrà così facilitare l’estensione degli orari di apertura o lo sviluppo del doposcuola sorvegliato.

(Decreto n° 2008-199 del 27 febbraio 2008 relativo alla remunerazione delle ore di lavoro straordinario di alcuni dipendenti pubblici)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *