La vagina (Italiano)

, Author

La parola vagina, vagina, significa guaina, guaina. Questo organo, le cui pareti sono estremamente elastiche, misura da 9 a 11 centimetri di lunghezza. Poiché descrive una curva con cavità anteriore, si capisce che la curva della parete anteriore, inscritta in quella della parete posteriore, deve essere più corta dell’altra. L’estremità posteriore della vagina è fissata intorno alla cervice e limita un canale circolare intorno alla cervice. L’estremità anteriore è l’apertura situata nella vulva. Questa estremità è sormontata dalle memeaturine. Sotto la mucosa c’è il costrittore della vagina. Sono presenti anche i bulbi della vagina, organi erettili a forma di mandorla situati ai lati dell’apertura vaginale e fusi sotto il clitoride dalla loro estremità superiore. La superficie interna della vagina, formata dalla membrana mucosa, ha una proiezione anteriore-posteriore (colonna anteriore della vagina), che origina insensibilmente dietro e termina anteriormente al tubercolo del meato urinario. Una colonna posteriore, simile a quella anteriore, esiste sulla parete posteriore. Da ogni colonna si estendono piccole pieghe trasversali della mucosa coperte da papille altamente sensibili. Queste pieghe si attenuano con l’età.

La superficie esterna della vagina è in contatto con vari organi. Davanti, questo condotto è in connessione con la vescica e l’uretra. L’adesione tra la vagina e la vescica è forte, ed è difficile separare questi due organi. La loro unione forma il divisorio vescico-vaginale, spesso da 6 a 7 millimetri, attraverso il quale possono verificarsi fistole, dette vescico-vaginali. Tra la parete anteriore della vagina e la vescica, vicino all’utero, l’uretra si insinua nella vescica agli angoli posteriori del trigono vescicale. L’uretra e la parete anteriore della vagina sono fuse; la loro unione è così intima che l’uretra sembra essere incavata per tutta la sua lunghezza nella parete vaginale.

Retro, la vagina è collegata, dall’alto al basso, al peritoneo, all’eretto e al perineo. Il peritoneo copre la vagina in una misura che può variare da 1 a 3 centimetri. In cima al cul-de-sac di Douglas, la vagina è collegata al retto. Le pareti unite della vagina e del retto costituiscono il divisorio retto-vaginale, un divisorio spesso da 4 a 5 millimetri e lungo da 3 a 4 centimetri. Il canale vaginale ha una parete anteriore e una posteriore e ha due bordi, destro e sinistro. I bordi sono legati, in alto, alla parte superiore dei legamenti allargati, in basso, ai muscoli levatori dell’ano, e in basso ancora, ai bulbi della vagina.

Le pareti della vagina sono formate, principalmente, da uno spesso strato di fibre muscolari lisce, rivestite da una membrana mucosa all’interno e da uno strato fibroso all’esterno.

Strato muscolare.- Questo strato è notevole per il suo colore rosso. È costituito da fibre lisce che si intersecano in tutte le direzioni, ma si può distinguere un piano di fibre longitudinali superficiali. Le fibre circolari formano un piano tra il primo e la membrana mucosa, sono un po’ più spesse verso l’apertura della vagina e formano una specie di sfintere vaginale.

Strato mucoso. – Ha uno spessore di 4 millimetri. Elastica e resistente, è formata da tessuto connettivo contenente molte fibre elastiche. Un epitelio stratificato, analogo all’epidermide, forma lo strato superficiale della mucosa.

La vagina non ha ghiandole, tranne in alcune condizioni anomale. L’arteria vaginale dell’ipogastrica distribuisce alla vagina, che riceve, inoltre, rami dall’utero, vescicale inferiore, emorroidaria media e budino interno. Si diffondono attraverso lo strato muscolare e finiscono nel derma della mucosa in una ricca rete capillare. Le vene formano il plesso vaginale ai lati della vagina. Questo plesso stabilisce una comunicazione tra il plesso uterino e le vene del bulbo della vagina. I linfatici del terzo superiore della vagina vanno ai nodi ipogastrici, come i linfatici uterini. I nervi provengono dal nervo pudendo interno e dal plesso ipogastrico. Si anastomizzano intorno alla vagina e formano un plesso nervoso vaginale contenente piccoli gruppi di cellule gangliari. Da questo plesso, le reti sensoriali per la mucosa, le reti motorie per le fibre muscolari e le reti vascolari per le pareti dei vasi si estendono nello spessore dell’epitelio. I corpuscoli di Krause e i corpuscoli di Tact sono stati descritti nella mucosa della vagina. (A19).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *