L’ictus nei pazienti diabetici

, Author

Abstract

L’ictus è la principale causa di disabilità e la seconda causa di morte in tutto il mondo. Da un lato, i pazienti diabetici hanno un rischio da 1,5 a 3 volte superiore di ictus, soprattutto di infarto cerebrale, rispetto ai soggetti non diabetici. Questo eccesso di rischio, particolarmente pronunciato nei soggetti più giovani e nelle donne, può essere ridotto da strategie terapeutiche efficaci volte a migliorare il controllo glicemico e la gestione di condizioni co-morbide come l’ipertensione e la dislipidemia. D’altra parte, la prevalenza del diabete nei pazienti colpiti da ictus è tra il 10 e il 20%, ed è aumentata negli ultimi 20 anni, probabilmente in risposta all’aumento dei tassi di sovrappeso e obesità nella popolazione generale e ad altri fattori come uno stile di vita sedentario. Anche se il diabete è stato a lungo considerato un fattore di rischio specifico dell’ictus lacunare, recenti studi epidemiologici hanno dimostrato che questo fattore di rischio non era in realtà associato a nessun sottotipo di ictus ischemico. Infine, è stato suggerito che i pazienti con ictus diabetici hanno risultati motori e funzionali più scadenti, e sono a più alto rischio di demenza, ictus ricorrente e morte.

Le texte complet de cet article est disponible en PDF.

Résumé

Les accidents vasculaires cérébraux représententent la première cause de handicap et la seconde cause de décès à travers le monde. I pazienti diabetici hanno un rischio di 1,5 a 3 volte più elevato di incidente vascolare cerebrale, e in particolare di infarto cerebrale, che i non diabetici. Questo eccesso di rischio, particolarmente marcato nei soggetti giovani e nelle donne, può essere ridotto con strategie terapeutiche efficaci mirate al controllo glicemico e alla gestione delle co-morbidità come l’ipertensione arteriosa o la dislipidemia. D’altra parte, la prevalenza del diabete tra i pazienti con ictus è stimata al 10-20%, ed è aumentata negli ultimi 20 anni, probabilmente a causa della crescente prevalenza di sovrappeso e obesità nella popolazione generale, e in relazione ad altri fattori come la sedentarietà. Mentre il diabete è stato a lungo considerato un fattore di rischio specifico per l’infarto cerebrale lacunare, recenti studi epidemiologici hanno dimostrato che questo fattore di rischio non è in realtà associato a nessun particolare sottotipo eziologico di infarto cerebrale. Infine, i pazienti diabetici che presentano un ictus hanno una prognosi più povera motore e funzionale, e sono a più alto rischio di demenza, recidiva o morte.

Il testo completo di questo articolo è disponibile in PDF.

Parole chiave: Ictus, Diabete, Fattori di rischio, Esito, Revisione

Parole chiave: Ictus, Diabete, Fattori di rischio, Prognosi, Revisione generale

Piano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *