Linee di difesa

, Author

1000w_q95.jpg

Un giorno di distanza! Se questa non è la decisione più crudele e arbitraria della FEMA (l’agenzia di emergenza) per compiacere i funzionari dell’amministrazione Trump…

Secondo un rapporto di Politico di martedì, 40.000 guardie nazionali (nella foto sopra la Guardia Nazionale del Maryland) “attivate” a sostegno della lotta contro gli effetti negativi della pandemia perderanno il loro status T32, che dà diritto ai benefici dopo 90 giorni di attività. Questo status T32 è assegnato ai riservisti della Guardia Nazionale dal governo federale, che è responsabile della paga e, cosa più importante, dei bonus come i punti per la pensione.

Inizialmente, il dispiegamento della Guardia Nazionale in questo status doveva finire il 31 maggio, ma molti funzionari eletti repubblicani e democratici hanno chiesto alla Casa Bianca di estendere lo status almeno fino al 30 giugno, se non alla fine dell’anno.

La Casa Bianca ha esteso il periodo di 24 giorni, facendolo finire il 24 giugno. Sono 89 giorni di attivazione sotto il regime T32. Che è un giorno in meno di quello che è richiesto ai membri della Guardia per ricevere certi benefici (pensione, GI Bill ecc.).

Il Gen. Roy Robinson, presidente dell’Associazione della Guardia Nazionale (NGAUS), ha dato in escandescenze: “Non ditemi che non stiamo fregando i membri della Guardia Nazionale e privandoli dello status che meritano.”

Anche i funzionari eletti si sono fatti avanti.

Il 20 maggio, 70 membri eletti del Congresso hanno inviato una lettera a Mark Esper, il Segretario della Difesa, chiedendogli di intervenire e correggere il record.

Mercoledì, il senatore Tammy Duckworth, un democratico dell’Illinois, da parte sua, ha introdotto un disegno di legge: il “National Guard COVID-19 Response Stability Act” che permetterà ai guardie schierate di ricevere i benefici completi.

Le reazioni indignate e la rabbia dei funzionari eletti hanno portato l’amministrazione a riconsiderare la decisione, ma nessun annuncio è stato ancora fatto. Il periodo di richiamo potrebbe essere esteso fino alla fine di luglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *