Malattia di Crohn: la fatica è legata alla malattia?

, Author

Le risposte con il Prof. Laurent Beaugerie, gastroenterologo:

“L’infiammazione che può essere misurata nel sangue è una fonte di fatica. Facciamo dei pisolini quando di solito non lo facciamo. Hai bisogno di dormire di più, non riesci a gestire il normale carico di lavoro… Tutti questi segni accompagnano l’insorgere della malattia.

“Una volta trovato un farmaco efficace, non è più del tutto normale essere stanchi. Spesso i pazienti sono convinti che siano i trattamenti stessi a indurre la stanchezza, ma è più complicato. Ci può essere anche una dimensione psicologica, quindi il problema è molto difficile da districare.”

Altre informazioni

File:

  • CIID: infiammazione cronica dell’intestino

Domande/Risposte:

  • Si è parlato di trapianti fecali per trattare le IBD, cosa sono?
  • Perché ci sono sempre più casi di IBD?
    C’è una predisposizione genetica nella comparsa delle IBD?
  • Qual è il rischio di sviluppare un cancro al colon quando si ha la malattia di Crohn?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *