New Life Coke (Italiano)

, Author

Pretty pleasant, but still sweet

Pubblicato il:12/12/2014

Coca-Cola sta facendo uscire la sua soda con una versione alla stevia che ha il 37% di zucchero in meno della Coca-Cola normale. Il suo sapore non ha deluso i nostri assaggiatori.

Stevia, il nuovo dolcificante in voga, non poteva lasciare indifferente la Coca-Cola. Il marchio ha lanciato una nuova versione della sua soda chiamata Coca Life all’inizio di dicembre. Questo nome e il colore verde della confezione danno a questo prodotto un’immagine un po’ usurpata di naturalità e di cibo salutare.

La stevia viene da una pianta, originariamente coltivata in Paraguay. Per tutto questo, come ha sottolineato recentemente la Direzione della concorrenza, del consumo e della repressione delle frodi (DGCCRF), l’uso come dolcificante richiede un processo di purificazione industriale. Questo si traduce in glicosidi steviolici, composti incorporati nei prodotti e menzionati nella lista degli ingredienti, che sono tanto lontani dalla pianta originale quanto lo zucchero dalla barbabietola. Inoltre, siamo lontani da una cultura contadina: il successo mondiale di questo nuovo dolcificante implica una produzione su scala industriale, di cui l’agricoltura cinese è oggi il principale fornitore.

Anche sul piano della salute il quadro è sfumato. Certamente, in un contesto in cui i dolcificanti, primo fra tutti l’aspartame, sollevano preoccupazioni sulla loro sicurezza, la stevia sembra sicura. Dopo un primo rifiuto nel 2007 che chiedeva studi approfonditi, l’Agenzia francese per la sicurezza alimentare ha dato nel 2009 un parere favorevole alla sua commercializzazione, sottolineando che non sono stati evidenziati né rischio cancerogeno, né rischio genotossico, né impatto sulla riproduzione. L’anno seguente, l’Agenzia europea per la sicurezza alimentare è giunta alla stessa conclusione. Se il poco senno di poi non permette di concedere un assegno in bianco definitivo a questo dolcificante, lo stato attuale delle conoscenze è quindi piuttosto rassicurante.

L’equivalente di quattro pezzi di zucchero

Per tutto ciò, il bilancio salutistico dei prodotti che lo contengono non è totalmente positivo perché tutti contengono zucchero, a volte in quantità significative. I produttori sono più o meno obbligati a incorporarlo per mascherare il gusto di liquirizia della stevia. La Coca Cola non fa eccezione alla regola. Anche con il 37% di zucchero in meno rispetto alla versione standard, una lattina da 33 cl di Coke Life contiene ancora l’equivalente di quattro zollette di zucchero (contro nessuna per Diet e Zero). Da consumare senza eccessi quindi e soprattutto non pensando che sia un prodotto buono per la salute.

Abbiamo organizzato una degustazione alla cieca, contro la versione classica per alcuni degustatori e leggera per altri. I fan di entrambe le versioni hanno difficoltà ad essere sedotti da Life, ma per i consumatori occasionali, la valutazione è piuttosto positiva. Il nuovo arrivato sembra meno presente e meno lungo in bocca rispetto alla “cosa reale”, ma non ha retrogusto, cosa che molti trovano proibitiva alla luce.

La Breizh Cola con Stevia
La Breizh Cola con Stevia.

Di gran lunga il leader del mercato della cola, il marchio americano non è il primo a proporre una versione con stevia. Il pioniere non è altri che Breizh Cola. L’azienda bretone lo aveva già fatto nel 2010 con una versione ridotta in zucchero del 70%. Ma sempre a causa di quel famoso sapore di liquirizia, sta cambiando la sua ricetta per accontentarsi di una riduzione del 50%. Il marchio, che sta cercando di fare breccia a Parigi, è tuttavia distribuito solo in Bretagna e nei dipartimenti vicini. Anche lo sfidante della Coca, la Pepsi, ha ceduto al fascino della stevia con il suo Pepsi Next, la cui confezione blu sta per diventare verde. Per quanto riguarda Carrefour, ha appena lanciato una “cola con estratto di stevia” sotto il suo marchio. Chi è il prossimo?

Prezzo indicativo per una bottiglia da 1,5 litri di Coca Life: 1,67€.

Fabienne Maleysson

Contatta l’autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *