Niran il ciclone continua la sua progressione verso la Nuova Caledonia

, Author

Alle 11 del mattino, Niran si trovava 380 km a nord-est di Cairns in Australia, e 1.600 km a ovest-nord-ovest di Belep. Ora descritto come un ciclone tropicale da Météo-France, si era rafforzato al punto di produrre venti di 130 km/h vicino al suo centro, con raffiche fino a 185 km/h. La pressione al cuore è stata stimata a 968 ettopascal. E ricordiamo che tutta la Caledonia è stata messa in pre-allerta alle 8 del mattino (istruzioni qui).

Potrebbe diventare “intenso”

Niran ha iniziato a spostarsi verso est-sud-est… quindi verso di noi! E il fenomeno si preannuncia grande. “Nelle prossime ventiquattro ore”, dice il bollettino speciale delle 12:40, dovrebbe trovare condizioni favorevoli al rafforzamento. Di conseguenza, “potrebbe raggiungere lo stadio di un intenso ciclone tropicale, venerdì sera con raffiche di circa 230 km/h vicino al suo centro”.

Ciclone Niran, giovedì 4 marzo, immagine satellitare di mezzogiorno

Vista satellitare del ciclone Niran giovedì a mezzogiorno. – ©Météo-France NC

Previsto sabato

Per quanto riguarda le previsioni di Meteo-France, “Niran sta iniziando ad avvicinarsi alla Nuova Caledonia oggi. Ci si aspetta che passi vicino o addirittura sopra la Nuova Caledonia durante la giornata di sabato 6 marzo”.

Venti occidentali

Ricordiamo che secondo Météo-France NC, “la sua intensità e la sua posizione in questo momento rimangono soggette a incertezza, ma l’opzione più probabile è quella di un passaggio il più vicino possibile alla Nuova Caledonia allo stadio di un ciclone tropicale, causando allora venti violenti (con venti occidentali durante una parte dell’episodio) così come forti onde sulla costa”.

Fruste fino a 200 km/h ?

Ma ora, questa precisione: temiamo raffiche tra 150 e 200 km/h. Per quanto riguarda le precipitazioni, che cadranno su terreni acquitrinosi e fiumi carichi: “Forti piogge precedono l’arrivo del fenomeno, e si verificano tra venerdì pomeriggio e sabato, causando certamente inondazioni.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *