Riscaldamento alternativo del compost

, Author

Il compost genera calore durante il processo di decomposizione dei vari materiali che lo compongono: rifiuti organici, foglie morte, piante, ecc.Anche se ancora poco conosciuto, un metodo scoperto negli anni ’60 permette di mettere a frutto questo notevole apporto di calore per riscaldare l’acqua senza bisogno di gas o elettricità.

Vi diciamo di più.

Principi del riscaldamento alternativo con compost

Prima di qualsiasi installazione, è bene sapere che questa soluzione di riscaldamento richiede una grande quantità di compost. Quest’ultimo può essere allestito grazie a:

  • la selezione dei rifiuti organici e vegetali della vita quotidiana;
  • il recupero del letame degli agricoltori e delle stalle vicine.

Una volta riunita la quantità necessaria di compost, è consigliabile:

  • dare al cumulo una forma conica;
  • coprirlo con un telo di plastica per proteggerlo dalle intemperie mentre si aumenta la temperatura prodotta;
  • posizionare il tubo dentro il quale passa l’acqua che si vuole riscaldare.

L’acqua viene così riscaldata in modo immediato e quindi utilizzabile direttamente.

Riscaldamento alternativo al compost: quali vantaggi?

Anche se ancora molto raramente usato, il riscaldamento a compost ha molti punti di forza:

  • Questo metodo di riscaldamento è indipendente dalla luce del sole, a differenza dei pannelli solari.
  • Il compost può essere riutilizzato per coltivare frutta e verdura del giardino.
  • Un compost ben mantenuto può riscaldare una casa di medie dimensioni per un anno e mezzo.
  • La raccolta differenziata dei rifiuti e il concetto di casa passiva si inseriscono perfettamente in questo approccio ecologico.
  • Si risparmia sia sul gas che sull’elettricità.

Svantaggi del riscaldamento del compost

D’altra parte, alcune disparità di temperature possono apparire come:

  • un’acqua molto calda all’inizio della realizzazione;
  • una temperatura che diminuisce gradualmente.

È necessaria una manutenzione ogni 3 o 4 settimane. Una volta che la decomposizione organica è completa, la compostiera deve essere rifatta.

Per approfondire l’argomento:

  • più informazioni sul compostaggio in una compostiera.
  • Quali rifiuti sono compostabili e quali no?
  • Scopri gli attivatori del compost.
  • I nostri consigli per fare una compostiera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *