Secret Files -> Investigations -> The Indian Curse

, Author

La maledizione indiana

Il 30 marzo 1981, in questo giorno uno squilibrato di nome John Hinckley, spara sei colpi di pistola in direzione del presidente degli Stati Uniti, Ronald Reagan. Gravemente ferito, si salverà e potrà onorare i suoi due mandati. Ma senza saperlo, ha appena messo fine a una delle più incredibili maledizioni americane. Una maledizione che ha causato la morte di ogni presidente americano ogni 20 anni. Si chiama la maledizione di Tippecanoe.

Lafayette nello stato dell’Indiana, fu in questa culla della civiltà indiana che tutto ebbe inizio all’inizio del XIX secolo. A quel tempo, i coloni bianchi guidati dal generale William Harrison erano in guerra con varie tribù. A capo della confederazione indiana, un uomo decise di resistere all’invasore, il suo nome: Tecumseh. “Tecumseh era il capo delle tribù che rimasero indietro per mantenere la loro terra. Ha guidato un’intera confederazione”, Del Bartlett, presidente della Tippecanoe Memorial Association. Leader di guerra rispettato e temuto, Tecumseh avrebbe ottenuto molte vittorie contro il suo rivale, il generale Harrison. “Nei documenti dell’epoca, soprattutto nei rapporti dello stato maggiore dell’esercito, si possono leggere messaggi che dicono chiaramente: quest’uomo è sempre più forte. L’influenza di Tekumse sta crescendo. È diventato un pericolo per gli Stati Uniti”, ha detto la storica Mary Moyars-Johnson. Per il presidente degli Stati Uniti e il generale Harrison, Tecumseh è il nemico pubblico numero uno. E a forza di offensive, le relazioni tra le due parti portano a una battaglia storica: la battaglia di Tippecanoe dove gli indiani subiscono una sconfitta schiacciante. Poi, per vendicarsi, Tecumseh lancia una maledizione su tutti coloro che hanno umiliato il suo popolo. Una maledizione rivolta al simbolo stesso dell’oppressore, il presidente degli Stati Uniti. E la prima vittima, naturalmente, è il generale Harrison. “Che sia vero o no, si dice che esiste una maledizione di Tecumseh. Perché Harrison morì poco dopo aver assunto la carica di presidente. In ogni caso, alcuni sostengono che questa maledizione è per punirlo per tutte le morti che ha causato nella battaglia di Tippecanoe”, Mary Moyars-Johnson. La leggenda sostiene che ogni presidente eletto in un anno che termina con il numero zero, morirà in modo brutale prima della fine del suo mandato. “Il fatto che possiamo collegare questa leggenda alla verità storica, dal momento che ogni 20 anni abbiamo avuto un presidente morto improvvisamente, supporta la teoria della maledizione”, Mary Moyars-Johnson.
La serie inizia con la morte improvvisa del presidente Harrison nel 1841 per polmonite a tre mesi dal suo mandato del 1840. E la maledizione continua! Abraham Lincoln, eletto nel 1860, fu assassinato cinque anni dopo. James Garfield, eletto nel 1880, fu brutalmente assassinato nel 1881. Anche William McKinley, eletto nel 1900, viene assassinato nel 1901. 1920, Harding viene eletto presidente, tre anni dopo muore brutalmente, alcuni dicono per avvelenamento. Franklin Roosevelt, eletto nel 1940, muore cinque anni dopo per un’emorragia cerebrale, poche settimane dopo aver firmato i famosi accordi di Yalta. 1963, è forse il più famoso di tutti gli assassinii, quello di John Fitzgerald Kennedy a Dallas. Kennedy fu ucciso da Lee Harvey Oswald, che era stato eletto nel 1960. Harrison, Lincoln, Garfield, McKinley, Harding, Roosevelt, Kennedy… La maledizione di Tecumseh sembrava non finire mai. Ma nel 1980 fu eletto anche un certo Ronald Reagan. “Alcuni sostengono che la maledizione è stata spezzata con Ronald Reagan che è sopravvissuto all’attacco contro di lui”, Mary Moyars-Johnson. Gravemente ferito, Reagan sopravviverà. Sarebbero quindi riusciti a rompere la maledizione? Quanto a George W. Bush, eletto nel 2000, ha appena completato il suo secondo mandato presidenziale.

TF1 – Le 30 storie più misteriose > Gennaio > 2009

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *