STDs: attenzione alla ‘clap’ difficile da trattare

, Author

La ‘clap’, la malattia a trasmissione sessuale dei bordelli del 19° secolo, rischia un giorno di diventare incurabile? La gonorrea, il suo nome accademico, sta diventando “più difficile o a volte impossibile” da trattare a causa della resistenza agli antibiotici, avverte l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), sottolineando la necessità di scoprire nuovi farmaci.

“Il batterio che causa la gonorrea, o gonorrea, è particolarmente intelligente. Ogni volta che usiamo una nuova classe di antibiotici per trattare l’infezione, i batteri si evolvono per resistere,” ha spiegato la dottoressa Teodora Wi in una dichiarazione dell’OMS. Sulla base dei dati di 77 paesi, l’agenzia dell’ONU avverte di una “resistenza diffusa agli antibiotici più vecchi e meno costosi”. “Alcuni paesi, in particolare quelli ad alto reddito, dove la sorveglianza è più efficace, stanno rilevando casi d’infezione che nessun antibiotico conosciuto può trattare”, assicura ancora l’organismo con sede a Ginevra.

Sempre più casi

78 milioni di persone hanno la gonorrea ogni anno, secondo le stime citate dall’OMS. 35,2 milioni vivono nella regione del Pacifico occidentale dell’OMS (Australia, Isole del Pacifico, Cina, Giappone…), 11,4 nella regione del Sud-Est asiatico, 11,4 nella regione dell’Africa, 11 nella regione delle Americhe, 4,7 nella regione dell’Europa e 4,5 nella regione del Mediterraneo orientale.

In Francia, questa infezione tende a progredire. Secondo l’Institut national de veille sanitaire, tra il 2013 e il 2015, è aumentato del 100% negli uomini omo o bisessuali, del 32% nelle donne eterosessuali e dell’8% negli uomini eterosessuali.

Secondo l’OMS, “la diminuzione dell’uso del preservativo, l’aumento dei viaggi, i bassi tassi di screening per l’infezione e il trattamento inadeguato” stanno contribuendo all’aumento dei casi.

Necessità di antibiotici

La gonorrea, nota anche come gonorrea, è un’infezione dovuta a un batterio che può colpire i genitali, il retto e la gola. Si trasmette durante il sesso orale, anale o vaginale non protetto. “Le complicazioni colpiscono sproporzionatamente le donne, che sono a rischio di malattia infiammatoria pelvica, gravidanza ectopica e infertilità, tra le altre cose, così come un aumento del rischio di infezione da HIV”, il virus dell’AIDS, sottolinea l’OMS.

Or, solo tre nuovi farmaci sono attualmente sotto studio. “Lo sviluppo di nuovi antibiotici non è molto attraente per le aziende farmaceutiche”, lamenta l’OMS. La ragione principale: “i trattamenti sono dati solo per brevi periodi di tempo (a differenza dei farmaci per le malattie croniche).”

Un partenariato è stato istituito dall’OMS e la Drugs for Neglected Diseases Initiative (DNDi), un’organizzazione indipendente, per cercare di sviluppare nuovi antibiotici. “A lungo termine, abbiamo bisogno di un vaccino per prevenire la gonorrea”, dice il dottor Marc Sprenger, direttore del dipartimento di resistenza antimicrobica dell’OMS. Fino ad allora, l’agenzia sottolinea l’importanza della prevenzione, attraverso “comportamenti sessuali più sicuri, in particolare l’uso corretto e regolare del preservativo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *