Storia del Cumberland Gap: la prima porta dell’America verso l’Ovest

, Author

Il Cumberland Gap è un passaggio a forma di V attraverso gli Appalachi all’incrocio tra Kentucky, Virginia e Tennessee. Aiutato dagli spostamenti dei continenti, dall’impatto di un meteorite e dall’acqua che scorre, il Cumberland Gap è diventato una meraviglia visiva e una risorsa senza tempo per la migrazione umana e animale. Oggi, il Cumberland Gap National Historical Park serve a preservare questa storica via d’accesso.

Storia geologica del Cumberland Gap

Iniziando più di 300 milioni di anni fa, i processi geologici costruirono gli Appalachi e poi scavarono un passaggio attraverso di essi. La collisione delle placche continentali europea e nordamericana forzò l’attuale Nord America sotto il livello del mare. I resti delle creature acquatiche si depositarono e formarono il calcare, poi sovrapposto a scisto e arenaria, fornendo le basi per una catena montuosa sospesa. Circa 100 milioni di anni dopo, il Nord America si scontrò con l’Africa, causando la piegatura e il sollevamento della giovane roccia morbida. Questa collisione ha portato all’aspetto ondulato e accartocciato della costa orientale degli Stati Uniti, ora conosciuta come i Monti Appalachi.

Si ritiene che il Cumberland Gap negli Appalachi sia stato formato dal flusso dell’acqua durante le collisioni delle placche continentali. Una recente teoria del geografo storico Barry Vann suggerisce una narrazione più complessa: l’acqua corrente ha giocato un ruolo nella formazione del divario, ma la scienza indica che la sua creazione è stata aiutata da un impatto dallo spazio esterno.

Il Cumberland Gap è un passaggio attraverso la Cumberland Mountain al confine tra Virginia e Kentucky. A sud del bacino di Middlesboro nel Kentucky, i geologi hanno trovato prove di un antico cratere meteoritico adiacente a Cumberland Gap. Creando il cratere di Middlesboro, ora nascosto, questo impatto violento ha scavato porzioni di terra e roccia sciolta dalle montagne vicine. Questo ha modellato il passaggio e ha permesso all’acqua di scorrere, aiutando a scolpire il Cumberland Gap in quello che è oggi.

Un passaggio americano

Gli Appalachi sono stati a lungo una barriera alla migrazione degli animali e all’espansione americana verso ovest. Si dice che ci sono solo tre percorsi naturali attraverso le valli e le creste infide, uno dei quali è il Cumberland Gap. Durante l’ultima era glaciale, mandrie di animali in cerca di cibo e calore usavano questo passaggio per migrare verso sud. Il sentiero divenne anche una risorsa per i gruppi aborigeni, aiutandoli in tempi di guerra e di migrazione verso ovest. Con il tempo e con l’influenza europea, questo sentiero rustico divenne un percorso raffinato.

Durante il 1600, i cacciatori europei diffusero la voce che una tacca attraversava le montagne. Nel 1750, il medico ed esploratore Thomas Walker incontrò questa meraviglia degli Appalachi. Dopo aver esplorato una grotta vicina, la chiamò “Cave Gap”. Si imbatté in un fiume appena a nord del divario e lo chiamò “Cumberland” dal nome del duca di Cumberland, figlio del re Giorgio II. Il passaggio del Cumberland Gap prende il nome dal fiume Cumberland di Walker.

Nel 1775, Daniel Boone e un gruppo di taglialegna furono i primi a segnare il sentiero del Cumberland Gap, mentre viaggiavano dalla Virginia al Kentucky. Dopo che il passo ottenne un flusso costante di coloni, lo stato del Kentucky fu ammesso nell’Unione. Fino al 1810, il Cumberland Gap era conosciuto come “la strada per l’Ovest”. Tra il XVIII e il XIX secolo, servì come corridoio di viaggio per più di 200.000 migranti. Il Cumberland Gap rimase una via importante per i viaggi e il commercio per tutto il 20° secolo.

Operazione Cumberland Gap nel 21° secolo

Nel 1980, gli ingegneri iniziarono un’impresa di diciassette anni al Cumberland Gap. Completato nell’ottobre 1996, il tunnel Cumberland Gap da 280 milioni di dollari è lungo 4.600 piedi. L’entrata orientale è nel Tennessee e l’entrata occidentale è nel Kentucky. Anche se Gap esiste all’intersezione di Tennessee, Kentucky e Virginia, il tunnel stesso manca lo stato della Virginia di soli 1.000 piedi. Il tunnel a quattro corsie è una risorsa di trasporto per l’intera regione.

Fornendo un collegamento diretto tra la città di Middlesboro, Kentucky, e Cumberland Gap, Tennessee, il tunnel sostituisce una sezione di due miglia della U.S. Route 25E. Precedentemente conosciuta come “Massacre Mountain”, la US 25E ha seguito la storica pista dei carri e le curve pericolose del primo passaggio. Quell’autostrada ha reclamato molte vite, e i funzionari del Kentucky dicono che il tunnel del Cumberland Gap è più sicuro per gli automobilisti, eliminando gran parte del pericolo.

Secondo un articolo del 1996 del Lexington-Herald Leader, il tunnel del Cumberland Gap “ha stimolato l’espansione dell’autostrada in tre stati, le speranze di portare turismo alle piccole comunità vicino al Gap e i sogni di ripristinare il sentiero selvaggio che Daniel Boone ha aperto nel 1700. “Entro il 2020, il numero di auto che attraversano il Gap al giorno dovrebbe salire a 35.000.

Cumberland Gap National Historical Park

Il Cumberland Gap National Historical Park si estende per 20 miglia e varia da una a quattro miglia di larghezza. Sono più di 20.000 acri, 14.000 dei quali rimangono nella natura selvaggia. La flora e la fauna regionali includono quasi 60 specie di piante rare, un’abbondanza di kudzu, tacchino selvatico e orso nero, tra un assortimento di altri. Caratterizzato da edifici storici e grotte, il parco offre ai visitatori un assaggio di ciò che ha contribuito a formare la nazione. Possono ripercorrere le esperienze dei primi esploratori attraverso sentieri escursionistici, viste panoramiche, visite guidate e spedizioni in grotta.

Cumberland Gap, Tennessee

Cullati ai piedi delle Cumberland Mountains, la città di Cumberland Gap è nota per il suo fascino storico. I visitatori possono godersi la vista della città e della zona dei tre stati da 1.200 piedi in una vicina cima della montagna chiamata Pinnacle Overlook. La città è pittoresca e ha solo tre modesti stabilimenti di alloggio. Ci sono negozi di artigianato e di antiquariato unici, che restaurano lo spirito dell’America coloniale.

Secondo un visitatore, “Cumberland Gap è un po’ come entrare in un quadro di Norman Rockwell”. Dal parco nazionale e dalla città storica allo splendore geologico e tecnologico di Cumberland Gap, questa zona merita sicuramente una visita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *