“The Dark Hours”: Gary Oldman esalta la verbosità di Churchill

, Author

Gary Oldman, nei panni di Winston Churchill, sarà uno degli attori da battere ai prossimi Oscar per la sua performance in “The Dark Hours” di Joe Wright, in cui porta sullo schermo un respiro epico della verbosità incandescente del “vecchio leone inglese”.

Mentre il focoso Churchill preferì a lungo esprimersi sul campo di battaglia, fu attraverso la penna che ottenne le sue più grandi vittorie. Per dimostrarlo, “The Dark Hours”, nelle sale mercoledì, è costruito intorno ai discorsi che l’allora 65enne leader scrisse nel contesto critico dell’inizio della seconda guerra mondiale.

Il 10 maggio 1940, quando iniziò la “Battaglia di Francia”, che portò all’invasione dei Paesi Bassi, del Lussemburgo, del Belgio e della Francia da parte della Germania nazista sei settimane dopo, Neville Chamberlain si dimise da primo ministro.

Churchill gli successe, nonostante lo scetticismo di re Giorgio VI, e fu già messo in discussione all’interno del suo stesso partito. Eppure l’ora è grave: negoziare un trattato di pace con la Germania – che l’establishment chiede – o combatterla ancora più duramente, mentre le sue truppe subiscono pesanti perdite sulla costa francese.

Carico…

Oppure, la vita di più di 300.000 uomini, intrappolati a Dunkerque e sulle sue spiagge, è in bilico.

Mentre il film mostra le qualità di leadership di Churchill, viene evidenziata anche la sua grande dose di dubbi. Gary Oldman, per il quale è stata realizzata una sorprendente trasformazione fisica con l’aiuto di protesi, oscilla perfettamente in questo in-between, dove viaggiano le decisioni del suo personaggio.

Per l’attore britannico (“Dracula”, “La talpa”), l’elemento più decisivo nel suo lavoro di appropriazione del personaggio è rimasto però la parola.

“Volevo parlare le sue parole. I suoi discorsi sono la cosa più notevole del genere. Non sono né magniloquenti né sovraccarichi di metafore o immagini. Capiva le persone a cui parlava e faceva in modo che le parole che pronunciava arrivassero direttamente al loro cuore”, spiega nella nota di intenti del film.

Caricamento…

-‘Non ci arrenderemo mai’ –

Churchill, è provato, non ha esitato ad andare incontro al popolo. Una di queste consultazioni improvvisate è il soggetto di una sequenza immaginaria in cui va in metropolitana, circondato da londinesi stupefatti dalla sua presenza.

Nessun discorso questa volta. Il primo ministro sta ascoltando. Ed è quando risuona un “Insorgiamo contro la tirannia” che finisce per essere confortato nella sua intima convinzione.

Questo si tradurrà in “Operazione Dynamo”, al termine della quale più di 300.000 combattenti saranno evacuati da Dunkerque e riportati a casa su navi della Royal Navy, traghetti, pescherecci, barche da diporto…

C coincidenza cinematografica, l’estate scorsa è uscito “Dunkirk”, diretto da Christopher Nolan, che ha filmato queste due settimane di combattimento in aria, in mare e a terra in modo soffocante.

Carico…

L’epilogo di “Dunkirk” mostra uno dei soldati sopravvissuti che legge ad alta voce il discorso di Churchill che saluta il valore delle truppe e avverte il nemico che il Regno Unito non sarebbe mai stato invaso.

L’epilogo di “The Dark Hours” mostra con intensità al suo apice Churchill che fa quello stesso discorso ricordato il 4 giugno 1940 alla Camera dei Comuni.

“Andremo fino in fondo, combatteremo in Francia, combatteremo sui mari e sugli oceani, combatteremo con sempre maggiore fiducia e forza crescente nell’aria, difenderemo la nostra isola, a qualunque costo, combatteremo sulle spiagge, combatteremo sui terreni di sbarco, combatteremo nei campi e nelle strade, combatteremo sulle colline. Non ci arrenderemo mai”, ha avvertito nella sua perorazione.

Carico…

Un testo che ha dato speranza a un intero popolo, come si dice che Churchill, omaggiato dai parlamentari con una standing ovation, abbia sussurrato a un collega: “E li combatteremo con mozziconi di bottiglia rotti, perché è tutto ciò che ci resta.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *