Utilizzare le impostazioni per migliorare l’interattività della vista

, Author

Le impostazioni sono utili quando si vuole aggiungere interattività e flessibilità a un rapporto, o per sperimentare scenari what-if. Diciamo che siete indecisi su quali campi includere nella vostra vista o quale layout è meglio per i vostri osservatori. Puoi costruire parametri nella tua vista in modo che gli osservatori possano scegliere il loro modo preferito di visualizzare i dati.

Quando usi i parametri, devi legarli alla vista in qualche modo:

  • Puoi usare i parametri nei calcoli e nei campi calcolati che sono usati nella vista.
  • Puoi visualizzare il controllo dei parametri nella vista in modo che gli utenti possano selezionare i parametri.
  • Puoi fare riferimento ai parametri nelle azioni dei parametri.

Prima di iniziare, scegli quali campi devono essere interattivi. Per esempio, si può permettere agli utenti di visualizzare le categorie in una dimensione per colore o visualizzare i dati di vendita in un periodo di tempo scelto da loro, e così via. L’esempio qui descritto imposta una tabella in cui gli utenti possono selezionare quali dimensioni visualizzare nelle colonne e nelle righe.

Vedi il video: per un’illustrazione dei relativi concetti in Tableau, guarda il video di formazione gratuito Settings(Link opens in a new window) (5 minuti). Usa il tuo account tableau.com (il link si apre in una nuova finestra) per accedere. Per una presentazione più approfondita, guardate Settings | Go on an adventure! (Il link si apre in una nuova finestra) (45 minuti).
Per saperne di più: controlla Using Settings to Add Multiple Views to Your Visualization (Link opens in a new window) sul blog di Tableau (Link opens in a new window), così come diversi how-to topics sull’uso delle impostazioni (Link opens in a new window) sul sito di Data School (Link opens in a new window).

Creating Settings

Questi passi usano l’esempio di Superstore per creare nuove impostazioni.

  1. Nel riquadro Dati, clicca sulla freccia a discesa in alto a destra e seleziona Crea parametro.

  2. Nella finestra di dialogo Create Parameter, seguite la procedura seguente:

    1. Attribuite un nome appropriato al parametro, così che gli utenti del Viewer possano vedere l’effetto della modifica. Questo esempio usa Select Column 1 Heading.

    2. Per Data Type, seleziona String.

    3. Per Allowed Values, seleziona List, inserisci None come primo valore nella lista e premi Enter.

    4. Completa la lista inserendo i nomi di qualsiasi campo aggiuntivo della dimensione che vuoi esporre usando il parametro.

      Nota: Questo esempio usa i campi Customer Name, Customer Segment, Region, Department e Category. Sono dimensioni dello stesso tipo di dati (stringa). Se vuoi includere una misura, come il profitto, in questa lista, hai l’opzione di convertire la misura in un valore stringa. Questo è possibile quando si genera il campo calcolato usando la funzione STR(). Questo articolo riguarda solo lo scenario che implementa lo stesso tipo di dati.

      Lo Show come alias punta al nome del campo. Per questo esercizio, puoi lasciarli così come sono.

    5. Clicca OK per tornare alla finestra di dialogo Campo calcolato.

  3. Ripetere il passo precedente per creare i seguenti parametri aggiuntivi:

    • Selezionare l’intestazione della colonna 2
    • Selezionare l’intestazione della riga 1
    • Selezionare l’intestazione della riga 2

    Suggerimento: Invece di inserire ogni valore nell’elenco, clicca su Add from > Settings per aggiungerli da Select Column 1 Heading.

Creare campi calcolati

La procedura usa l’esempio di Superstore per creare i campi calcolati che sfrutteranno le tue impostazioni.

  1. Nel pannello Dati, clicca sulla freccia a discesa in alto a destra e seleziona Crea campo calcolato.

  2. Nella finestra di dialogo Campo calcolato, in Nome, scrivi Categoria dalla Colonna 1.
  3. Nella finestra di dialogo Campo calcolato per formula, genera il seguente calcolo:

    CASE
    WHEN 'Customer Name' THEN
    WHEN 'Customer Segment' THEN
    WHEN 'Region' THEN
    WHEN 'Department' THEN
    WHEN 'Category' THEN
    ELSE ''
    END

    Controlla che il messaggio di stato indichi che la formula è valida, poi clicca su OK.

    Nota: ELSE tiene conto del valore None che avete fornito nel parametro, quindi restituisce una stringa vuota.

  4. Creare tre campi calcolati aggiuntivi, uno per ciascuno dei parametri aggiuntivi che hai creato:

    Nome del parametro Nome del campo calcolato
    Seleziona intestazione-intestazione della riga 1 Categoria della riga 1
    Seleziona l’intestazione della riga 2 Categoria della riga 2

    La formula base per ogni campo calcolato è la stessa del passo precedente, tranne che fai riferimento a un parametro diverso in ogni CASEstatement.

Dai agli spettatori un modo per interagire con le viste

Ora esponi il controllo dei parametri in modo che gli utenti possano selezionare le categorie che vogliono visualizzare.

  1. Per ogni parametro che hai creato, segui questi passi:

    Sotto Parametri, fai clic destro sul parametro e seleziona Mostra controllo parametro.

  2. Dal riquadro Dati, trascina i campi calcolati che hai creato sui ripiani Colonne e Righe.

  3. Dal riquadro Dati, trascina una metrica nella vista. In questo esempio, Sales è impostato su Label nel foglio Benchmarks.

  4. Testate le vostre impostazioni selezionando i campi nei controlli di impostazione.

    Consigli:

    • Ordina i campi della dimensione dinamica in ordine alfabetico.
    • Nascondi le etichette dei campi per le righe e le colonne.

  5. Ripristina tutte le impostazioni su Nessuna e pubblica la cartella di lavoro su Tableau Server.

    Gli osservatori possono configurare i propri report, salvare le loro regolazioni e condividere le viste con altri utenti.

Informazioni aggiuntive

Per informazioni sulla creazione dinamica delle viste, vedere Scambio di misure usando le impostazioni (Link apre in una nuova finestra).

Per informazioni sulle diverse aree dell’interfaccia di Tableau dove è possibile creare e incorporare le metriche, vedere Creazione di metriche e argomenti correlati nella Guida di Tableau Desktop.

Disclaimer: Questo argomento include informazioni sulle metriche da un blog di terzi, The Information Lab: Data School. Si prega di notare che mentre facciamo ogni sforzo per mantenere i riferimenti ai contenuti di terzi accurati e aggiornati, le informazioni fornite qui sono soggette a modifiche senza preavviso in caso di modifiche ai siti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *